4275 visitatori in 24 ore
 264 visitatori online adesso


Stampa il tuo libro





Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

L'ebook del giorno

Un passo nella fossa

Uno spaccato della vita nella Sicilia contadina del novecento, una storia lunga quasi un secolo nella quale si muove e (leggi...)
€ 2,99


Questa poesia è pubblicata anche nel sito RimeScelte

Giorgia Spurio

Poesia a tema sull'argomento 'Donne in carriera'

La scalata dei sogni

Donne
Correre
verso la scalata dei sogni
come madre con cinque figli
come ragazza senza famiglia
come bocche verso i baci

Ventiquattrore impugnata in mano
e rossetto sul viso pallido
Le occhiaie della notte prima
per l'articolo al capo

Il latte al bambino più piccolo,
la camicia stirata al marito,
la merenda al figlio per primo partito,
le carezze di rughe di sonno
sulle trecce della bimba che ripete storia.

Le lucciole sembrano abbagli
che si spengono al sole

Stringerò denti
fra parole e vocali
poesie che possano distruggere il muro che ha il cuore
e salire per la ripida montagna
verso palazzi senza ascensori

Impugno il vecchio pc
alla ricerca di sogni
da intrappolare.



Giorgia Spurio 27/02/2010 12:51| 13| 4959|

Creative Commons LicenseQuesta poesia è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons: è possibile riprodurla, distribuirla, rappresentarla o recitarla in pubblico, a condizione che non venga modificata od in alcun modo alterata, che venga sempre data l'attribuzione all'autore/autrice, e che non vi sia alcuno scopo commerciale.

Nota dell'autore:
«e se fosse invece sbagliato lo stereotipo della donna d'affari solo come manager? la donna in carriera non è solo quella dei "grattacieli" e dei cocktail con i capo ufficio...
io studentessa che si arrampica verso la tesi, io stessa mi sento in carriera. e una donna con cinque figli perché non può migliorare il suo status di donna e appagamento attraverso il lavoro? anche solo accontentadosi di un gradino in più(anche se sudato).
perché la donna in carriera deve diventare un automa freddo su tacchi a spillo?
ma come ci emancipiamo per poi esser derise? imprigionate in nuovo stereotipo?
»


 

Commenti sulla poesia Commenti di altri autori:

«La tua poesia mi è piaciuta molto, sia per come è scritta, sia per quello che vuole esprimere.»
Eleonora Grana (07/03/2010) Modifica questo commento

«Essere donna in carriera, nulla toglie alla famiglia, perché le donne ben si sa, hanno un'organisazione insuperabile, sono come le formiche, piene di rissorse, Lavorano e mai che lo fanno pesare, oggi la vita costa, e se non si è in due a lavorare, non si potrebbe dare un avvenire decento ai figli, perché anche i studi costano, Anche questo è sacrificio, non è divertimento... bellissima poesia, piena di verità»
Jeannine Gérard (07/03/2010) Modifica questo commento

«come darti torto, questo è un mondo legato a vecchie immagini dove le donne in carriera spesso vengono valutate dai tacchi a spillo, senza sapere cosa c'è dietro, fai bene a ribadire il tuo concetto, a pretendere un futuro diverso, che possa ripagare di tanti sacrifici, il problema che troppo spesso una volta arrivati, ci si scorda da dove si è partiti, poesia di grande intelligenza che denota idee molte chiare, scritta con capacità ironia e determinazione»
Fabrizio Diotallevi (04/03/2010) Modifica questo commento

«Sono assolutamente d'accordo col pensiero dell'autrice, e la nota di riferimento me lo conferma una volta di più.
Intanto è diritto di ogni essere pensante misurare il livello delle proprie potenzialità. Che, nella donna, non erano mai state inferiori all'uomo. Anzi.
La donna, pur pagando questo suo diritto, ad uno scotto che non avrebbe mai dovuto sovraccaricarla di responsabilità, ha basato la sua scelta, in primo luogo, sul riscatto di una dignità umana, che le era stata violata nel corso dei secoli (non dimentichiamoci la negazione anche del diritto di voto elettorale). In sintesi, la donna non ha mai inteso denunciare la sua superiorità sull'uomo, bensì, l'equilibrio, basato, soprattutto, sulla cultura dell'educazione all'amore.»
Anna Maria Scamarda (02/03/2010) Modifica questo commento

«Chissà perché la donna se é autonoma viene vista con occhio sospetto e per lo più se è in carriera le viene associato un atteggiamento "guastafamiglia". Questo giudizio viene formulato o da uomini che cercano protezione e che vogliono perennemente la donna- mamma o da donne che hanno subito forti repressioni e prive di altre visioni. Se l'affermazione di un essere umano é gioia, senza ledere i diritti altrui, la società puo' solo averne benefici e non il contrario... ma si sa Freud è servito almeno a farci capire un po' della psiche umana! SPLENDIDA e l'autrice non puo' che rafforzare le sue capacità per intraprendere una favolosa CARRIERA che merita.»
Dalassa (02/03/2010) Modifica questo commento

«una poesia molto condivisa sia nel contenuto dei versi sia della nota dell'autore/trice. Complimenti.»
Club ScrivereEnrico Baiocchi (01/03/2010) Modifica questo commento

«Una verità assoluta, almeno per i tempi di oggi, sperando che un giorno questa parità non venga vista solo dalle donne, ma anche dagli uomini. Perché, se anche loro trovassero un equilibrio di pensiero e azione, fra donna e uomo, sono sicura che potrebbero essere in carriera sia l'uno che l'altro, senza togliere niente a niente! Basta volerlo, basterebbe essere presenti l'uno all'altro, sempre! Certo non è un discorso facile da farsi, perché varia da situazioni a situazion, i ma se ci si impegnasse forse... la soluzione sarebbe più vicina di quanto pensiamo. Ci sarebbe da discutere su alcuni commenti scritti su questa e altri testi ma... io mi attengo a questa poesia che mi è piaciuta moltissimo e faccio i miei complimenti all'autrice/ore!»
Club ScrivereRita Minniti (28/02/2010) Modifica questo commento

«La tua riflessione è giusta, abbraccia tutto l'universo Donna, molto condivisibile come tema e molto dura come poesia con un fondo di raassegnazione.»
Fippo2 (28/02/2010) Modifica questo commento

«Ho apprezzato moltissimo questa poesia, soprattutto perché scritta da una giovane (me ne sono accorta alla fine) perché è tipico delle persone intelligenti e aperte far uscire noi donne dai soliti stereotipi. E' vero anch'io considero una donna in carriera quella che, facendo la casalinga, riesce a far quadrare il "bilancio" e a crescere come persone pensanti i propri figli. Tua madre è sicuramente stata un donna in carriera perché con te ha creato un piccolo gioiello, molto raro di questi tempi: brava, profonda e intelligente. Complimenti a tutte e due ...»
Anna Maria Obadon (28/02/2010) Modifica questo commento

«Una donna manager non stira camice al marito, gliele fa stirare a lui se questi le vuole indossare o paga una domestica per farlo. Tutte le poesie che sto leggendo partono da uno stereotipo di donna che non esiste più, o quasi!»
Salvatore Armando Santoro (27/02/2010) Modifica questo commento

«le donne in carriera mi hanno sempre affascinato però la loro è una vita molto dura figli e famiglia da far collimare non è facile e allora io ne conosco diverse e hanno fatto una scelta precisa niente famiglia solo lavoro
brava molto bella la tua poesia complimenti»
Moreno il Duca (27/02/2010) Modifica questo commento

«sarò all'antica ma, vi siete realizzate in che modo,
lavorando il triplo di prima?
prima bastava uno stipendio per tirare avanti
ora con due non si arriva alla fine del mese.
e fortunato chi ne ha due, c'è chi non ne ha
nemmeno uno.
è stato un giuoco politico quello di spingere la donna
a realizzarsi nel lavoro così con mezzo stipendio
si lavora in due.
quanto costa alla donna questa emancipazione!
ne soffre tutta la famiglia, soprattutto i figli.
però la poe è bella!»
Enio Orsuni (27/02/2010) Modifica questo commento

«è molto difficile essere donna in carriera, e, nello stesso tempo, madre e moglie- è una fatica immane. e solo in poche ci riescono... poesia molto bella ed efficace.»
Salvatore Ferranti (27/02/2010) Modifica questo commento

La bacheca della poesia:

smiley Stupenda e la chiusa addirittura un incanto (Giorgio Lavino)

smiley Quel tocco malinconico che amo nelle donne. (Corripio)

smiley Apprezzata la nota. Spunto di riflessione ottimo. (Corripio)

smiley condivido completamente. Bravissima (Giunone Giove)

smiley Se potessi...la voterei due volte..anche tre ! (Anna Maria Obadon)

smiley Non potevi che essere che tu! Complimenti ancora! (Rita Minniti)

smiley ..brava giorgia.. per il testo e per la nota... (Amara)
smiley pienamente d'accordo con Enio (Massimo Mangani)
smiley pienamente d'accordo con Enio (Massimo Mangani)
smiley pienamente d'accordo con Enio (Massimo Mangani)

smiley Bella ,condivido le riflessioni dei versi (Antonella Scamarda)

smiley Brava Giorgiaaaa!!! (PoetessarockSilvia)

smiley Mi piace leggere giudizi di chi si contraddice.... (Dalassa)

smiley con poesie di tutt'altra natura....ripensamento? (Dalassa)

smiley Meritatissime Lodi e Fiocchi!! Complimenti!! (Anna Maria Scamarda)

smiley che altro dire, se non brava, BRAVISSIMA!!!!! (Maria Grazia Vai)

smiley Bravissima....molto bella!!! Complimenti!!!! (Lena Orfeo)

smiley Bella, soprattutto la chiusa! (Maria Assunta Mongiardo)


Amazon Prime

Link breve Condividi:


Donne
Gobba di Luna
I pantheon dei segreti
Dove non c'è un regno di ghiaccio
Tra le braccia del sole, la paglia
Madre nel sangue
Donna, il tuo nome è eco della tua anima
E se fossi anche io uno dei tuoi capelli?
Dove è il ruggir dei leoni
Bianca
Spoglia
Mute
L'odalisca delle nereidi
L'angolo degli acheni
Le maglie ruvide sul letto
Essenza
Perlacea, era celeste... il dì della sua tempesta
Non fui che amante
La giostra stonata dei carillon
Granuli d'aria
Le rose, non dimenticarle, così lei diceva
Il compleanno degli incubi
Il vuoto della rosa
Ceri di nebbia
Il proiettile
Madre mai nata
Il profumo di lei
Allo sfiorire dell'alba
Le ragnatele della voce
Di ogni lacrima ne è figlia
L'Agonia della vie en rose
La scalata dei sogni
La colpa dei martiri
Il gelo delle innocenze
Il pellegrinaggio della solitudine
La sconosciuta anima
Lebbra d'amore
La figlia che parte
Il pavimento dei sogni scalzi
Le mie ultime lacrime
Profumo di latte
Oggi piove
Baciami
Il cuore violato
Stuprata
Sposa di luna
Canuta giovinezza

Tutte le poesie



Premio Scrivere 2010
Il silenzio delle parole Poesia d'amore sul tema (Tu che mi ascolti)
Bucando le bufere del gelo Giovanni Paolo II ( Karol Wojtyla) (Ricco non è colui che possiede, ma colui che dà, colui che è capace di dare.)
Il vuoto della rosa Violenza sulle donne

Giorgia Spurio
 I suoi 4 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
La voce ingoiata (25/08/2010)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Ali distratte di un Icaro suicida (10/09/2010)

Il racconto più letto:
 
Ali distratte di un Icaro suicida (10/09/2010, 1244 letture)


 Le poesie di Giorgia Spurio



Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od una poesia

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito: https://adwords.google.com/cues/7505CA70FA846F4C06E88F45546C45D6.cache.png

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it