4270 visitatori in 24 ore
 270 visitatori online adesso


Stampa il tuo libro





Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

L'ebook del giorno

Un passo nella fossa

Uno spaccato della vita nella Sicilia contadina del novecento, una storia lunga quasi un secolo nella quale si muove e (leggi...)
€ 2,99


Questa poesia è pubblicata anche nel sito RimeScelte

Giorgia Spurio

7 anni

Cronaca
Ha colore della pece anche il cielo
E cadono lacrime di petrolio
sul volto del sogno

Non ho conosciuto odore di quaderni
Non so cosa sia d'inchiostro sporcarsi le mani
So solo l'odore arido della sabbia
E voci di lingue d'adulti
che parlano solo con fucili
piombati alle tempie

Ha colore del sangue
il respiro bloccato alla gola
E non ho potuto conoscere l'ultimo urlo di mia madre
E non saprò aver dono delle sue ninne nanne

Colorami gli occhi di mare
E mi abbandonerò al silenzio

Colorami gli occhi d'arcobaleno
E dimenticherò il mio nome

Non ho conosciuto i balocchi degli altri mondi
Cinema e animati d'oro
Io so solo del deserto il suo profumo

Non ho potuto gridare
Non ho potuto piangere
Non ho potuto dire no
Non ho potuto far capricci
Non ho potuto chiamare mio padre
né... invocare Dio

Non ho potuto... del morire ribellarmi
Corda di morsi
Braccare i polsi
Minuscoli spasmi di paure
E al ramo d'albero si inchiodarono
delle mie pupille le mie lacrime.




Giorgia Spurio 10/06/2010 15:39| 12| 5001

Creative Commons LicenseQuesta poesia è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons: è possibile riprodurla, distribuirla, rappresentarla o recitarla in pubblico, a condizione che non venga modificata od in alcun modo alterata, che venga sempre data l'attribuzione all'autore/autrice, e che non vi sia alcuno scopo commerciale.

Nota dell'autore:
«Afghanistan. Bimbo impiccato dai Talebani:
Kabul. Nella provincia di Helmand i Talebani hanno giustiziato un bimbo di soli 7 anni perché accusato di essere una spia del governo...
soli 7 anni.
»


 

Commenti sulla poesia Commenti di altri autori:

«non occorrono altre parole per commentare l'abominio di questo mondo.
davvero ben scritta bravo!»
vittorio palmieri (20/07/2010) Modifica questo commento

«Mi è difficile commentare questa poesia tanta è la commozione mista alla rabbia per questa barbarie. Non si può accettare, no non si deve accettare. Delicatissima, dolcissima in questo ripetuto "Non ho potuto..." a sottolineare la giovanissima età di questo bimbo che non ha conosciuto nessuna gioia in vita.
Un urlo di dolore, una poesia che invita tutti, con semplicità e compostezza, a riflettere su quella che è la realtà di tanti bambini e che noi vediamo solo da lontano»
Rossella Gallucci (13/06/2010) Modifica questo commento

«E intanto si fanno marce della pace o si inveisce contro chi controlla i propri confini. Troppo comodo lavarsi le mani in questo modo.
Contro certe bestie, la caccia dovrebbe restare aperta 365 giorni su 365 a tutti anche quelli senza permsso di cacca»
Azar Rudif (11/06/2010) Modifica questo commento

«Versi che stilettano la mente ancor prima del cuore, che colpa hanno i bimbi, non sono loro ad aver chiesto di venire, perché li trattiamo così, perché non riusciamo a lasciar loro una eredità da non maledire, non c'è religione o tradizione che giustifichi fatti simili. Ma nel mondo tutto tace, facciamo caroselli e fiaccolate, catene umane, marce e dimostrazioni per ogni cavolata, ma la vita di uno, dieci, cento bambini cosa conta?. Grazie poetessa del tuo urlo.»
Club ScrivereEnrico Baiocchi (10/06/2010) Modifica questo commento

«Con questi intensi e toccanti versi
hai dimostrato una volta di più di avere un grande talento un grande cuore
una grande sensibilità
i bambini devono avrebbero il sacrosanto diritto di essere bambini
è una vergogna ogni sopruso su di loro sono molto sensibile ai problemi dell'infanzia e quando sento e leggo certe cose rabbrividisco
poesia sicuramente da conservare per non dimenticare»
Danielinagranata (10/06/2010) Modifica questo commento

«Che to ddico a ffà.
Sacrosante Parole, ma il mondo è una Latrina,
Meglio abbandonarsi al silenzio.»
Gabriele Tudisco (10/06/2010) Modifica questo commento

«l'asia è un luogo splendido, magico, ma si porta dietro tanti retaggi cui noi non siamo più abituati...è il concetto di bimbo ed adulto che manca, al cospetto di dio la responsabilità di un bimbo è pari a quela di un adulto in quel tipo di società...e le bimbe vengono date in spose a soli 7 anni e i bimbi si impiccano a soli 7 anni... e le donne... ho un ricordo ben preciso di quando lavoravo in Kazakhstan... ben preciso del concetto di lavoratore e di donna lavoratrice... i diritti dell'uomo e del bambino nascono da un pensiero che si è evoluto nei secoli e ci ha liberato da molte paure e preconcetti... molto forte questa tua descrivzione, si sente quasi l'odore del sangue...»
Barbara Golini (10/06/2010) Modifica questo commento

«Dico solo che capisco un po' cosa esprimi in questa poesia molto bella e vera... Non è mai come la realtà di chi ci vive ma leggere libri e romanzi sull'Afghanistan aiuta!»
Clara Gismondi (10/06/2010) Modifica questo commento

«Non la sapevo questa storia, chissà cosa li spinge, cattiveria o pazzia, mi lascia senza parole sia il fatto di cronaca che questa tua poesia, sembra aver di fronte la scena tanto la rendi cruda e reale, difficile veramente commentare, qualsiasi parola di elogio verso la poesia sarebbe in contrasto con l'orribile fatto. Lascio quindi giusto il mio commento, senza infamare o lodare, tanto non c'è da spiegarti quanto sei brava.»
Dario Fociani (10/06/2010) Modifica questo commento

«...e si ferma il respiro... e batte forte il cuore per la rabbia per quello che accade... e anche noi... non possiamo fare altro che urlare il nostro dolore...
Incisiva poesia ...versi di grande impatto emotivo per come sono stati strutturati... arriva forte questo orrore...»
Club ScrivereAntonio Biancolillo (10/06/2010) Modifica questo commento

«Se questa è vita... si chiedeva Levi di fronte all'olocausto degli ebrei. Forse una poesia straziante come questa può ricordarci ogni giorno che al mondo c'è sempre spazio per l'orrore.»
Francesco Zanni Bertelli (10/06/2010) Modifica questo commento

«...""e lascio questo solco dell'inferno dove demoni soffiano il nome di Dio ...
Non si può commentare una così sentita poesia, è la completa empatia nell'arte che aggiunge una lacrima alle mie.
Autrice strepitosa!»
Dalassa (10/06/2010) Modifica questo commento

La bacheca della poesia:

smiley Grazie Giorgia. (Dalassa)

smiley Immensa. Il solito capolavoro. Un saluto sincero (Giorgio Lavino)

smiley però pure gli ebrei... leggi la bibbia. sentita. (Enio Orsuni)

smiley Anche gli americani, però, non scherzano... (Sergio Melchiorre)

smiley le atrocità dlla guerra,sentita (Gerardo Novi)

smiley Che male che fa...brava Giorgia. (Corripio)

smiley uno scempio...che Dio non li perdoni!!! (Luciano Tarabella)

smiley stupenda e insieme grida all'atrocita' dell'uomo (Elisa Cordovani)


Amazon Prime

Link breve Condividi:


Cronaca
La piccola Favour
Delitti
Manicomi
Aylan
Sabbia e sangue
Charlie Hebdo, 7 gennaio 2015
Le bugie del Minotauro
Un lutto senza colore
7 anni
Ciao, Antonio

Tutte le poesie

Sorte
War in the Mind
7 anni
Il gas dietro le sbarre
Il pianto dell'Acheronte
Il ventre del pensiero
Un lutto senza colore
I bambini dello sbarco
Hanno paura di me
La marcia dei malcapitati
Addio Morte
Alda, fra tracce di fumo e parole, in cerca di te
Allo sfiorire dell'alba
Amore
Amami contro ogni infedele chiacchiera
Anche oltre la morte
Anche se sarà in saldo la luna
Baciandole
Il giogo
Il pianoforte degli infermi
Bruciava, inondando le strade
Baciami
Bianca... si tinse di vermiglio
Ceri di nebbia
Child' Silence
Chimera
Ciao, Antonio
Delirio n°5
Espiazione del buio
Disfatta
E dilatami... e uccidimi il fiato
È la rabbia
E mi chiamerò Vento
Ed a te vado sospirando
Ed io cado qui
Foglie d'inverno
Frizione -Freno-
Fuggitiva nell'ombra della rubata fuga
Fumo sulle piume di brina
Gli specchi rotti del cielo
I ciclamini dimenticati
I papaveri in via del cielo
I sospiri di Gea
Ignari i bimbi fra petali viola
Il bimbo delle foglie d'autunno
Il bacio immobile dei petali
Il compleanno degli incubi
Il cuore violato
Il filo delle overdosi
Il funerale dei lupi
Il gelo delle innocenze
Il Lago all'orizzonte
Il manicomio dei sordi obiettivi
Il pavimento dei sogni scalzi
Il pellegrinaggio della solitudine
Il presagio dei fauni
Il profumo di lei
Il proiettile
Il rogo delle sirene
Il vuoto della rosa
Il veleno degli sposi
Il tuo equilibrista
Il sole appassito
Il segreto di Persefone
Il serpente di Minosse
Il sorriso della bestia
Il menù della giornata
Io e i miei ragni
In ogni angolo
L'addio delle formiche
L'Agonia della vie en rose
L'alluvione dei silenzi / Silence's flood
L'angelico demone
Il riso delle cagne
L'ira dell'amore
L'occhio di lince
L'ostaggio tra le falde
La Balena Bianca di nessun romanzo
L'urlo di una madre
La bara bianca
La bimba del carillon
La colpa dei martiri
La figlia che parte
La giostra stonata dei carillon
La Luna Partorita e le Lacrime di Ade
La luce dei mostri
La mia impronta
La sommossa delle bocche imbavagliate
La tana dei randagi
La tomba dei pescatori
La tratta dei bimbi
Le teste delle margherite
Le culle degli angeli
Le figlie meticcie dai matrimoni sconsacrati delle fate
Le mie morti
Le preghiere delle vergini
Le mie ultime lacrime
Le parole delle ombre
Le pupille sepolte
Le ragnatele della voce
Le rose, non dimenticarle, così lei diceva
Le siringhe dei sogni alcolizzati
Lebbra d'amore
Lucertola
Lui, che era suo padre
Madre mai nata
Malessere
Mutilato
Nel cappotto di scotch e umida nebbia
Odio la mia impotenza
Oggi piove
Oltre i deliri... la curva dei delfini
Oscilla... sul tempo
Oltre la corda
Pasticche
Pensieri di un caduto: attentato alla speranza
Perché io... ero azzurra
Per ricordare lei
Perché le margherite non sbocciano d'inverno
Profumo di latte
Qui non c'è deserto
Rainbow's Hills
Rapito è il neonato
Rintocchi d'orologi
Sarta del destino
Sembianza di falena
Senza cavi gli ascensori per l'altro mondo
Spegnimi
Sorridetemi
Spose degli angeli




Premio Scrivere 2010
Il silenzio delle parole Poesia d'amore sul tema (Tu che mi ascolti)
Bucando le bufere del gelo Giovanni Paolo II ( Karol Wojtyla) (Ricco non è colui che possiede, ma colui che dà, colui che è capace di dare.)
Il vuoto della rosa Violenza sulle donne

Giorgia Spurio
 I suoi 4 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
La voce ingoiata (25/08/2010)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Ali distratte di un Icaro suicida (10/09/2010)

Il racconto più letto:
 
Ali distratte di un Icaro suicida (10/09/2010, 1244 letture)


 Le poesie di Giorgia Spurio



Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od una poesia

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito: https://adwords.google.com/cues/7505CA70FA846F4C06E88F45546C45D6.cache.png

Copyright © 2017 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it